Contattaci
FMGo Syncro utilizza un approccio "push" per il passaggio dei dati da FileMaker Go su iPad/iPhone a FileMaker su rete locale: in questo modo è possibile governare il passaggio dati a livello del singolo record, verificando appunto record per record se il passaggio dati è avvenuto in maniera corretta. I dati passati vengono successivamente processati per scriverli nelle tabelle di appartenenza

Fase 1: il passaggio dati
La procedura di passaggio dati utilizzata da FMGo Syncro prevede - a livello del singolo record - di "radunare" i dati del record e dei suoi records correlati in un unico campo; in maniera analoga le immagini presenti nel record e nei suoi records correlati vengono immagazzinate in un unico campo, in questo caso multiplo. Una volta che i dati sono stati raccolti in un unico campo vengono passati al file centrale.
La parte interessante della procedura è che è completamente astratta dal contesto: utilizzando un formato ad hoc contenente i campi che si intendono sincronizzare e le funzioni
Get ( ActiveFieldTableName )
Get ( ActiveFieldName )
Get ( ActiveFieldContents )
la procedura identifica tabella, campo e relativo contenuto, e con la funzione
Get ( ActivePortalRowNumber )
è in grado di identificare di quale record correlato si tratti

In questo modo aggiungere o togliere campi è semplicissimo, basta aggiungerli o toglierli dal formato, ed anche aggiungere o togliere tabella correlate è altrettando semplice, basta che siano presenti nel formato in questione.

I dati vengono per comodità "avvolti" in un guscio XML, così da facilitare l'operazione di ricostruzione che dovrà essere eseguita nel file centrale, quello che riceve i dati (un esempio dell'output che viene generato è visibile qua: vedi esempio output)

Dopo aver radunato i dati la procedura prosegue spedita a passarli al file centrale: prima si cerca di aprirlo e si verifica che l'apertura abbia avuto successo, poi si passa a scrivere i dati nella tabella Importazioni del file centrale, aggiungendo alla procedura un "error trapping" molto minuzioso, che verifica che la creazione del record nella tabella Importazioni ed i 2 step con cui dati ed immagini vi vengono scritti avvengano senza errori, pena l'annullamento della procedura per quel record.
Se tutto fila liscio il record viene marcato come trasferito, così che eventuali successive procedure non lo trasferiscano di nuovo

Fase 2: la ricostruzione dei dati nel file centrale
Una volta passati i dati al file centrale siamo a metà dell'opera: occorre infatti che all'interno del file centrale i dati importati vengano processati e scritti nelle tabelle d'appartenenza.
Anche in questo caso la procedura è completamente astratta dal contesto: utilizzando delle funzioni custom la procedura identifica la stringa di testo da processare, ne estrae nome della tabella e nome del campo e - utilizzando la funzione Set field by name - è in grado di scriverci il valore contenuto nella stringa processata.
Se quindi abbiamo aggunto o tolto campi alla procedura di passaggio dati non c'è nessun problema di ricostruzione.

In conclusione: applicare il sistema ad altri contesti è semplicissimo, basta cambiare i campi presenti in un formato (e poco più)